News

Informazioni in tempo reale, curiosità, interviste esclusive, sport, racconti, esperienze ed approfondimenti
Van Gogh on Ice, la prima mondiale è a Torino il 3 dicembre 2021

Van Gogh on Ice, la prima mondiale è a Torino il 3 dicembre 2021 Sul ghiaccio del Palavela si esibisce anche l'atleta russo Evgeni Plushenko

Dimensione Eventi presenta in anteprima mondiale a Torino lo spettacolo “Van Gogh on Ice”, uno spettacolo mai visto in cui la poesia e l’arte del Maestro dell’Impressionismo viene raccontata attraverso la vita, il genio, il tormento di Van Gogh in un’opera poetica mai vista prima. Una pista da ghiaccio, luci, colori, immagini, le note di un’orchestra dal vivo che avvolgono il pubblico, una compagnia di pattinatori di eccellente bravura. L’idea rivoluzionaria che unisce poesia, danza, musica e tecnologia per regalare un viaggio emozionante nell’arte magica di Van Gogh. A capitanare i campioni internazionali il plurititolato olimpico EVGENI PLUSHENKO. Una carriera da record che lo ha consacrato a leggenda vivente. Amato in tutto il mondo per il suo stile e la sua eleganza, ha una nutrita schiera di fans in Italia, che delizierà con uno spettacolo nuovo e coinvolgente. Ad accompagnarlo il suo grande amico EDVIN MARTON, compositore e violinista ungherese di fama mondiale, conosciuto come “il violinista dei pattinatori sul ghiaccio”. Marton curerà le musiche e gli arrangiamenti per lo spettacolo, portando con sé, in veste anche di direttore d’orchestra, i suoi musicisti, per un’eccezionale esibizione dal vivo. Il pubblico potrà godere del suono inconfondibile di uno Stradivari originale, costruito nel 1697, utilizzato duecento anni fa da Paganini e vinto in giovane età da Marton, in una competizione mondiale dove ha sbaragliato oltre trecentocinquanta violinisti.

 22 ottobre, 2021



Vivi Torino

Non sai cosa fare, non sai dove andare? Ci pensiamo noi: l’unica guida virtuale per turisti e residenti


Rubriche

Approfondimenti puntuali su arte, mode e tendenze, cibo e vino, innovazione tecnologica
Trend Tutti pazzi per il vintage di Fané, la boutique presa d'assalto online ha una nuova sede

Tutti pazzi per il vintage di Fané, la boutique presa d'assalto online ha una nuova sede

Il negozio di Maurizio Bray in via Gaudenzio Ferrari 4, all'ombra della Mole Antonelliana

Fanè, ovvero, la mania del vintage che ha spinto gli acquirenti a dedicarsi anche allo shopping online. Questo è accaduto durante il lockdown, quando il fondatore del negozio torinese Maurizio Bray ha deciso di aprire il suo e commerce. Un successo che lo ha spinto oggi Bray ad abbandonare lo spazio di co working per aprire un negozio tutto suo e fare così contenti gli appassionati. Il locale è in via Gaudezio Ferrari 4, a pochi passi dalla Mole. Fané si reinventa così in uno spazio completamente nuovo, suddiviso in tre ambienti, con tre colori e tre mondi diversi: il blu per la Wunderkammer, una vera stanza delle meraviglie, il rosa per la sala da pranzo (dove verrà ospitato fino a Natale il temporary shop di Pastiglie Leone), il verde per il salotto. Un percorso attraverso piccoli tesori dal 1700 agli anni ’70. In vendita, pezzi di modernariato, collezioni d’epoca, oggetti spesso antichi, capaci di racchiudere molteplici forme di bellezza. Porcellane, mobili, stoviglie, lampade e quadri: una selezione particolare, fatta di cose insolite e rare, ognuna con la propria personalità, la propria storia, capace di andare oltre l’oggetto in sé.

Apri

Agorà

Di virtuale c’è solo questa piazza, tutto il resto è reale: condividi insieme ad altri, interessi e tempo libero
Socializzare Preparare la cena agli amici nel ristornate di chef Nicola Batavia

Preparare la cena agli amici nel ristornate di chef Nicola Batavia

E' l'ultima trovata del fondatore del Birichin che mette a disposizione la sua preziosa cucina

Cucinare per gli amici in una cucina gourmet con tutto ciò che occorre, dagli ingredienti agli attrezzi e, soprattutto, con i consigli di un grande chef. Come Nicola Batavia fondatore dello storico ristorante Birichin di via Monti 16, che propone la particolare esperienza culinaria di gruppo a quanti lo desiderino. La location non sarà la sala del Birichin ma quella del Bistrot The Egg che sorge nella parte dell'ingresso del locale e che affaccia direttamente sulla cucina a vista. Un vero Eden per chi ama stare ai fornelli. "Iniziata quasi per scherzo questa mia iniziativa già prima del Covid - spiega il cuoco - adesso sta tornando prepotentemente di moda tra i miei clienti che non vedono l'ora di invitare a cena gli amici ma a casa mia" e il prezzo dell'operazione non è neppure altissimo dato che si aggira sui 25 euro a persona compresi gli ingredienti. Una serata di gruppo davvero particolare e nel segno del buon gusto. Info e prenotazioni 335.393819.

Apri


Consigli

La movida a tutto tondo. L’enogastronomia piemontese in un click. Parchi, monumenti, percorsi ciclabili