Socializzare

Ecco la Cicloturistica del Roero nata in occasione del Giro d'Italia

Il percorso parte da Canale e si sviluppa in 41 chilometri di colline, cantine e ristoranti stellati

Ecco la Cicloturistica del Roero nata in occasione del Giro d'Italia
320

Ecco la Cicloturistica del Roero nata in occasione del Giro d'Italia

Il percorso parte da Canale e si sviluppa in 41 chilometri di colline, cantine e ristoranti stellati

Il Giro d'Italia ha lasciato una bellissima eredità da vivere in gruppo tra le meraviglie del Roero, territorio considerato patrimonio dell'Unesco. Si tratta della Cicloturistica organizzata dall'Enoteca Regionale di Canale proprio in occasione del passaggio della gara "rosa" di lunedì 10 maggio. Un percorso ad anello di 41 chilometri (con partenza e arrivo da Canale) che accompagnerà i turisti tra bellissimi castelli, lodevoli cantine custodi di grandi tradizioni enologiche, ristoranti stellati in cui fermarsi per una tappa gourmet, musei e panorami indimenticabili. Il tutto riscoprendo la chiave outdoor e slow che caratterizza sempre di più le scelte turistiche degli ultimi anni. Il punto di partenza (e di arrivo) è appunto l'Enoteca Regionale del Roero di Canale , cuore pulsante dell'enogastronomia locale e punto di riferimento per conoscere i migliori prodotti del territorio. Da qui si pedala in direzione Govone , dove è possibile ammirare il Castello Reale, collocato sulla cima di una collinetta e storica sede, durante l'inverno, di una delle più belle manifestazioni natalizie d'Italia, il Magico Paese di Natale. Si procede poi verso Priocca , dove gli appassionati non potranno perdersi una visita al Museo Mondodelvino, con l'esperienza interattiva della “Wine Experience” che racconta il mondo dell'enologia. A Priocca, inoltre, ha sede anche uno storico ristorante stellato della zona: è Il Centro, patria indiscussa
del celebre fritto misto alla piemontese. La tappa successiva è Magliano Alfieri, il cui castello è sede del Museo delle Arti e Tradizioni Popolari e della Cultura del Gesso. Da lì si procede in direzione Castagnito Alto, con la possibilità di fermarsi ad ammirare il panorama da un bellissimo Belvedere. In questo tratto si passa attraverso la “Strada del Barbera”, che celebra il vino anche attraverso il progetto “Arte e Paesaggio”, che vede la posa di alcuni steli d'autore, ideati sulla base di disegni dello scultore Riccardo Cordero per rappresentare in maniera astratta
l’impegno del lavoro nel vigneto e in cantina.Il tour procede verso Guarene , con un altro bellissimo castello riportato agli antichi splendori e sede di un hotel di lusso (su prenotazione si possono richiedere visite guidate).Il passaggio da Vezza d'Alba merita poi una piccola deviazione sul suo belvedere, là dove si trova il Santuario della Madonna dei Boschi, luogo di grande spiritualità collocato in cima alle valli sottostanti, come a volerle proteggere. A Vezza d'Alba si trova anche un antico Torrione, il “Torion” come si dice da queste parti, che è stato acquistato tempo fa dalla famiglia dei viticoltori locali Ceretto, con l'idea di farne un progetto artistico e turistico in grado di replicare la Cappella del Barolo di La Morra. Il percorso si conclude a Canale, tornando presso l'Enoteca Regionale del Roero dove – su prenotazione – si può concordare un aperitivo con vini e prodotti tipici. Al piano superiore dell'Enoteca Regionale del Roero, infine, si trova anche il ristorante una stella Michelin di Davide Palluda, uno dei più ​celebri interpreti dei sapori di queste terre. Il percorso cicloturistico sarà proposto al pubblico – su prenotazione all'Enoteca Regionale del Roero, inviando una mail a info@enotecadelroero.it.

Comments :
  • img
    Lorenzo Peterson
    15th August, 2019 at 01:25 pm
    Reply

    " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

  • img
    Tammy Camacho
    15th August, 2019 at 05:44 pm
    Reply

    " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

  • img
    Tammy Camacho
    16th August, 2019 at 03:44 pm
    Reply

    " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

    • img
      Lorenzo Peterson
      17th August, 2019 at 01:25 pm
      Reply

      " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

Leave A Comment :