Educazione ambientale e sviluppo sostenibile, le frontiere del futuro

Carola, studentessa liceale e attivist torinese del movimento Fridays For Future, protagonista questa settimana della rubrica Time’s Up

344

Educazione ambientale e sviluppo sostenibile, le frontiere del futuro

Carola, studentessa liceale e attivist torinese del movimento Fridays For Future, protagonista questa settimana della rubrica Time’s Up

TORINO - Nelson Mandela definì l’educazione “l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo”. Proprio in quest’ottica è nata l’Educazione Ambientale (EA), concepita come strumento che permettesse ai cittadini di mettere in discussione, rivalutare e modificare il proprio rapporto con l'ambiente, adeguando i propri comportamenti agli ecosistemi allo scopo di vivere in modo sostenibile. Tutto il sistema, orientato a proporre una nuova visione degli elementi naturali, ha come presupposto, nonché come fine, l’incremento quantitativo e qualitativo della partecipazione e del coinvolgimento attivo degli individui nelle decisioni politiche che esplicano i propri effetti sul loro territorio. L’EA è quindi, evidentemente, uno strumento indispensabile per sensibilizzare singoli e comunità ad una maggiore responsabilità e attenzione alle questioni ambientali e al buon governo delle diverse regioni.
Questa forma di educazione, però, non è chiusa in sé stessa, collocandosi anzi in un quadro più articolato, quello dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile (ESS), che riguarda direttamente anche l’economia e la società, ed è esplicitamente riconosciuta nel Target 4.7 dell’Agenda 2030.
Ed è proprio lo stesso Sviluppo sostenibile uno dei tre nuclei tematici principali, insieme a Costituzione e Cittadinanza digitale, intorno a cui ruota l’insegnamento dell’Educazione Civica nelle scuole, divenuta a settembre 2020 una disciplina trasversale che interessa tutti i gradi di istruzione.
Tuttavia, l’attuazione di questa nuova politica ministeriale potrebbe, in alcuni casi, non risultare idonea al perseguimento dei reali obiettivi dell’ESS, come ci racconta Carola, studentessa liceale e attivist torinese del movimento Fridays For Future.  
 
Valentina D’Antino

Comments :
  • img
    Lorenzo Peterson
    15th August, 2019 at 01:25 pm
    Reply

    " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

  • img
    Tammy Camacho
    15th August, 2019 at 05:44 pm
    Reply

    " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

  • img
    Tammy Camacho
    16th August, 2019 at 03:44 pm
    Reply

    " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

    • img
      Lorenzo Peterson
      17th August, 2019 at 01:25 pm
      Reply

      " There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour "

Leave A Comment :